Oneri di Sistema nella bolletta Enel Elettricità

Per informazioni più specifiche sulla quota fissa di 135€/anno (11,25€ mensili, 22,50€ in bolletta) introdotta nel 2017 a carico degli utenti domestici non residenti, consultare: Bolletta non residente 2017: quanto aumenta realmente.

La voce "Spesa per Oneri di Sistema" è la terza delle tre voci di spesa principali, dopo Spesa per la Materia Energia e Spesa per il Trasporto e la Gestione del Contatore, che siamo ormai abituati a trovare nella prima pagina della bolletta Enel per l'elettricità (nella versione 2.0 utilizzata a partire dal 1 Gennaio 2016).

Poichè rappresenta una parte consistente del totale in bolletta, è naturale per l'utente chiedersi cosa vuol dire Oneri di Sistema, cosa significa in concreto questa voce, quanto e come incide sul totale da pagare, a che tipo di costi si riferisce e in definitiva dove vanno a finire i soldi pagati. Cercheremo di rispondere a queste domande nel modo più chiaro possibile (in caso di dubbi, osservazioni o domande, lasciate pure un commento in fondo all'articolo, saremo lieti di approfondire).

Prima di tutto è bene sapere che i costi degli Oneri di Sistema sono stabiliti con cadenza trimestrale dall'Autorità per l'Energia e valgono sia per gli utenti in regime di maggior tutela che per quelli sul mercato libero. Non rientrano quindi nella discrezionalità riservata al mercato libero e a parità di condizioni e consumi dovrebbero risultare uguali nelle diverse bollette.

Detto questo, vediamo quanto incide la spesa per oneri di sistema sul totale della bolletta per l'energia elettrica. Nel caso tipico dell'utente domestico residente in regime di maggior tutela, che consuma circa 450 kWh al bimestre e paga una bolletta intorno agli 80€ - 85€, la spesa per oneri di sistema ammonta a circa 17€ - 18€ più Iva, e incide quindi per una percentuale di circa il 22% del totale, poco meno di un quarto.

L'utente domestico non residente, per lo stesso consumo bimestrale di 450 kWh paga invece un totale in bolletta di 115€ - 120€, di cui circa 40€ (più iva) per gli oneri di sistema, che incidono così per una quota ben superiore, intorno al 38%, oltre un terzo del totale da pagare.

Questa differenza dipende dal fatto che a partire dal 2017 gli utenti domestici non residenti pagano una quota fissa per Oneri di Sistema di 135€ all'anno (di cui abbiamo parlato specificamente nell'articolo Tariffe 2017: novità nei prezzi per uso non residente), che invece non è prevista per gli utenti residenti. A parità di consumi, gli Oneri di Sistema degli utenti non residenti sono quindi più cari di 11,25€ (più Iva) per ogni mese fatturato, rispetto all'equivalente bolletta dell'utente residente.

Gli introiti derivati dalla quota fissa di 135€ a carico dei soli utenti non residenti sono interamente destinati ai cosiddetti "Incentivi alle fonti rinnovabili e assimilate". Chiariremo più avanti le varie destinazioni delle somme pagate per gli Oneri di Sistema ma per chi ama andare subito al nocciolo della questione possiamo anticipare che la maggior parte dell'importo di questa voce (oltre il 75%) va proprio a sovvenzionare le fonti di energia rinnovabili, principalmente il fotovoltaico.

Percentuali minori vanno poi all'industria e allo smaltimento del vecchio nucleare, fino agli aiuti per gli utenti disagiati, secondo criteri che sembrano avvicinarsi più alla logica di un'imposizione fiscale piuttosto che a veri costi d'impresa, come si vedrà.

Comunque non sono costi nuovi: fino al 2015 i costi inclusi in questa voce rientravano nella voce più generale "Spesa per Servizi di Rete", che con la Bolletta 2.0 in vigore dal 1 Gennaio 2016 è stata scorporata nelle due voci "Spesa per Oneri di Sistema", in esame qui, e "Spesa per il trasporto e la gestione del contatore" di cui abbiamo parlato nell'articolo Trasporto e gestione del contatore nella bolletta elettrica).

Perciò, anche se la voce Oneri di Sistema è relativamente nuova perchè compare in bolletta solo dal 2016, in realtà le componenti di costo che rappresenta c'erano anche prima, aggregate sotto la voce Servizi di Rete, e lo stesso discorso vale per la voce Trasporto e la gestione del contatore: queste voci non rappresentano costi nuovi ma semplicemente nuove denominazioni di costi che fino al 2015 rientravano sotto un'altra voce. Crediamo opportuno precisarlo perchè alcuni utenti si sono mostrati disorientati e a volte anche irritati per la presenza in bolletta di due nuove voci non immediatamente decifrabili che spesso rappresentano insieme oltre metà del totale, ma si tratta solo di una nuova aggregazione delle stesse componenti di costo che c'erano anche prima come Servizi di Rete.

Ecco in dettaglio le singole componenti di costo che sommate tra loro vanno a costituire l'importo della voce "Spesa per Oneri di Sistema", con le rispettive percentuali calcolate in base ai prezzi per kWh del primo Trimestre 2017 (nello scaglione superiore). Sono in numero di nove:

  • 77,0% Incentivi alle fonti rinnovabili e assimilate (componente A3)
  • 12,5% Agevolazioni alle industrie manifatturiere ad alto consumo di energia (Ae)
  • 4,1% Promozione dell'efficienza energetica negli usi finali (UC7)
  • 2,7% Oneri Nucleari (Decommissioning nucleare) (A2)
  • 1% Compensazioni per le imprese elettriche minori (UC4)
  • 1% Sostegno alla ricerca di sistema (A5)
  • 0,8% Agevolazioni tariffarie riconosciute per il settore ferroviario (A4)
  • 0,6% Oneri per il bonus elettrico (As)
  • 0,3% Compensazioni territoriali agli enti locali che ospitano impianti nucleari (MCT)

Esaminiamo le più importanti in ordine di grandezza, a partire dalla componente A3 (Incentivi alle fonti rinnovabili e assimilate) che fa la parte del leone in quanto assorbe il 77% del totale, vale a dire che per ogni ogni euro pagato per oneri di sistema, 77 centesimi sono destinati a incentivi per le fonti rinnovabili e assimilate.

La componente A3 è descritta in questi termini dall'Autorità per l'Energia:

....finanzia sia l'incentivazione del fotovoltaico sia il sistema del Cip 6, che incentiva le fonti rinnovabili e assimilate (impianti alimentati da combustibili fossili e da combustibili di processo quali scarti di raffineria etc.

Scopriamo così che la parola "assimilate" nell'espressione Incentivi alle fonti rinnovabili e assimilate, si riferisce anche alle centrali a carbone e agli inceneritori di rifiuti, come stabilito appunto dal Cip 6, una delibera del Comitato Interministeriale Prezzi del 1992.

La seconda in ordine di grandezza è la componente Ae (Agevolazioni alle industrie manifatturiere ad alto consumo di energia), che preleva altri 12 centesimi e mezzo dal nostro euro pagato per oneri di sistema. Si tratta di una novità del 2017, perchè nel 2016 la somma destinata a tale componente era pari a zero.

Comunque, la componente Ae (Agevolazioni alle industrie manifatturiere ad alto consumo di energia) è destinata:

....a finanziare le agevolazioni alle imprese manifatturiere con elevati consumi di energia elettrica prevista dall'art. 39 del decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83.

In pratica rappresenta un contributo offerto alle industrie che consumano più energia elettrica.

Segue a distanza la componente UC7 (Promozione dell'efficienza energetica negli usi finali), che assorbe altri 4,1 centesimi ed è destinata:

....alla copertura degli oneri derivanti da misure ed interventi per la promozione dell'efficienza energetica negli usi finali....

Chi fosse interessato ad approfondire il significato delle singole componenti può trovare le rispettive definizioni complete sul sito dell'Autorità per l'Energia alla pagina Gli oneri generali di sistema, qui tratteremo ancora la quarta voce in ordine di grandezza, ossia la componente A2 (Decommissioning nucleare, ovvero Oneri Nucleari), che assorbe il 2,7% degli Oneri di sistema, destinata

....alla copertura dei costi per lo smantellamento delle centrali nucleari dismesse (Latina, Caorso, Trino Vercellese, Garigliano), alla chiusura del ciclo del combustibile nucleare e alle attività connesse e conseguenti, svolte dalla società Sogin. Secondo quanto previsto dalle leggi finanziarie 2005 e 2006, una parte del gettito della componente A2, pari a circa 100 milioni l'anno, viene destinato al bilancio dello Stato.

Il fatto che questa componente sia almeno in parte destinata al bilancio dello Stato potrebbe suggerire che si tratti in realtà di una tassa, e a pensarci bene si potrebbe sollevare lo stesso dubbio sulla vera natura dell'intera voce "Oneri di Sistema".

In effetti, le componenti della voce Oneri di Sistema non sembrano rispondere a costi direttamente legati alla produzione o al trasporto dell'energia che arriva nelle nostre case, ma ad altri principi ed esigenze di valore più generale che attengono allo sviluppo e al benessere sociale, come dimostra in particolare il cosiddetto Bonus elettrico destinato ai clienti domestici in stato di disagio fisico o economico (la componente As, a cui va appena lo 0,6%, neppure un centesimo del nostro euro).

In sintesi, mentre le voci di spesa "Materia Energia" e "Trasporto e Gestione del Contatore" si riferiscono a costi sostenuti necessariamente per consentire l'erogazione del servizio, quel genere di costi che qualsiasi impresa commerciale dovrebbe comunque imputare al cliente finale se non vuole andare in perdita, la voce Oneri di Sistema aggrega costi di natura diversa, più simili a imposte vere e proprie in quanto destinati ad attività che non sono collegate direttamente al servizio fornito al cliente ma rivolte piuttosto all'interesse generale della collettività (o almeno si spera).

Commenti

1) Perchè la cifra oneri di sistema è inserita nel calcolo dell'IVA ?
2) Perchè in assenza di consumi in fattura compare la voce costo per il materiale ...... e costo del trasporto . Non pare anche a voi che si tratta di una fattura errata per non dire falsa ?

Gli utenti di una seconda casa non hanno commesso un reato. Perché devono essere condannati a finanziare con gli "oneri di sistema" carichi economici non di loro competenza?

Le utenze domestiche residenti non pagano alcuna quota fissa per oneri di sistema, mentre le utenze domestiche non residenti pagano 127 € all'anno (cifre al netto dell'Iva al 10%).
per quale motivo dovrei pagare di più pur avendo per circa 11 mesi l´anno il contatore staccato, con consumi zero, e mi arrivano bollette di quasi 50 Euro ogni due mesi secondo me e una truffa.

Varrei sapere se giuridicamente gli oneri di sistema sono delle tasse oppure no. Se non vengono pagati, si va in contenzioso fiscale con lo stato oppure in contenzioso con ENEL?

Gli oneri di sistema sono una truffa, tutti i contribuenti paghiamo le tasse, attingano dagli introiti eccessivi che ci deturpa lo Stato, sperperato per foragiare gli amici "industriali" INSOLVENTI.

salve, segnalo come molti l'aumento immotivato della bolletta enel energia elettrica (nel mio caso ben 260€, circa 130€ in più della media mensile precedente.) in pratica le spese per gli oneri di sistema superano il mio consumo effettivo di energia elettrica. credo che la situazione si commenti da sola. nella bolletta precedente pagai per gli oneri un aumento di 67€...ci resta solo di tornare alle candele? il mio riscaldamento di casa è alimentato con una termostufa a legna, almeno sul gas non ho intenzione di farmi derubare in questo modo.

sapete consigliarmi se esistono associazioni di consumatori a cui rivolgersi?

c'agh vegna an cacar! ma non si vergognano? facile fare impresa e dividere gli utili: paghiamo tutto noi! smaltimento nucleare, ricerca, rinnovabili, incentivi alle imprese, furbetti e abusivi paga tutto il cittadino onesto. branco di incapaci mafiosi e corrotti.

Come si evince dalla tabella più su riportata la percentuale MCT è dello 0,3% di €, alla data del primo trimestre 2017.
Questa quota varia è variata o rimane tale anche nel 2018?
Questo perché ora non è più riportata distintamente sulle voci che compongono il prezzo dell'energia come fino a tutto il 2017 (causa il loro raggruppamento dal 2018 in Asos e Arim)
Questa cifra seppur poco rilevante, nel calcolo del CUSf medio non va conteggiata, per tanto alla fine il conteggio non è esatto.

La Delibera 22 febbraio 2018 96/2018/R/eel: (Aggiornamento di provvedimenti dell’Autorità a seguito della definizione della nuova struttura delle componenti tariffarie a copertura degli oneri generali di sistema), stabilisce tra l'altro che "il CUSf,m ogs è pari alla somma algebrica, arrotondata alla terza cifra decimale secondo il criterio commerciale, delle parti unitarie variabili, espresse in c€/kWh, delle componenti tariffarie ASOS e ARIM vigenti nel mese m-esimo;".

Poichè non risulta alcuna indicazione circa l'esclusione della parte MCT, sembrerebbe logico pensare che il (nuovo) calcolo del Cusf debba includere integralmente entrambe le (nuove) componenti.

D'altra parte, dato che è sempre stata esclusa dal calcolo del CUSf in quanto: "Il corrispettivo unitario di scambio forfetario annuale relativo agli oneri generali di sistema non include la componente MCT perché essa è applicata ai consumi di energia elettrica, anziché ai prelievi, e pertanto non può essere restituita" (Valori del corrispettivo unitario di scambio forfetario per l’anno 2017), è anche possibile che al momento della comunicazione ufficiale dei nuovi conteggi, la componente MCT, che nella nuova struttura rappresenta una parte della componente Arim denominata AmctRIM, sia fatta oggetto di esplicita esclusione.

Si vedrà, in ogni caso non dovrebbe rappresentare una gran complicazione nè influire in modo significativo: l'impatto percentuale della AmctRIM nel 2018 non dovrebbe infatti scostarsi molto da quello della MCT nel 2017 riportato nell'articolo (in termini di ragionevole previsione, la certezza non si può avere perchè Arera non pubblica più i valori delle singole parti che concorrono a formare le componenti ASOS e ARIM).

A parere mio è una truffa. Io ho fatto n contratto con l'Enel solo per la pura erogazione di energia elettrica e non per sovvenzionare altre cose che possono, anzi devono essere sovvenzionate dallo Stato. Se io pago , per esempio, 10 euro per spesa per la materia energia, perchè devo pagare quasi tre volte tanto per Oneri di Sistema?

Save vorrei sapere perche nonostante abbia i pannelli fotovoltaici attivi mi e arrivata una bolletta altissima con ben 77euro di oneri di sistema da pagare. Che servono oltretutto ad incentivare qualcosa che io ho gia e non mi ha portato ancora nessun beneficio..credo sia una cosa vergognosa

77euro di oneri di sistema nella bolletta bimestrale per un'utenza residente in maggior tutela nel 2018 corrispondono a un totale da pagare di circa 280 euro per un consumo di circa 1350 kWh nel bimestre, pari a oltre 22 kWh al giorno. Un consumo elevato che normalmente deriva da elementi riscaldanti, come pannelli o simili, evidentemente non coperti da autoconsumo.

Per quanto riguarda il fotovoltaico, non so quale sia la sua situazione e perchè non ne abbia avuto ancora nessun beneficio, se vuole aggiungere informazioni possiamo approfondire il caso ma in termini generali, per non far passare un messaggio sbagliato, mi risulta che il fotovoltaico sia tuttora una scelta conveniente sotto il profilo economico, oltre che ambientale. 

È una somma che non si riesce a capire come la gran parte dell'intera spesa della bolletta che serve per l'abbuffata della politica. Quindi il 4 marzo 2018 riflettiamo bene prima di recarci all'urna ad apporre il segno di croce sulla scheda elettorale.

ho un garage con un contatore luce di potenza 1.5 kw con un consumo di energia elettica nn superiore a 2 kw annui come mai devo pagare 11.28 di spesa oneri di sistema?

Se tutti ci mettessimo d'accordo di non pagare questi oneri di sistema potremmo farlo?Lo stato senza dire niente ce li ha prelevati in bolletta!Questo non è legale,questa è truffa!UNIAMOCI E LOTTIAMO per i nostri DIRITTI

Carissima Emanuela tu hai perfettamente ragione, quando dici UNIAMOCI E LOTTIAMO!! nessuno farà mai questo passo conoscendo il popolo Italiano.
Io da emigrante sarei il primo a schierarmi dalla tua parte, e spaccare i connotati a sti politici sangui suga che non smettono mai di spolpare i cittadini onesti.
Cosa dovrei dire io che pago bollette più salate pur non vivendo in Italia, in Germania pago la metà di quanto pago complessivamente in Italia di luce, con la differenza che in Germania la corrente la consumo, mentre in Italia il contatore e staccato.
Distinti saluti.

Ciao, vorrei sapere se è possibile capire il calcolo degli oneri di sistema o esiste un importo fisso o va in base al consumo o al totale della fattura?
Queste mie domande sono dovute perchè nella mia bolletta vedo troppe differenze di prezzo.

Grazie

Gli oneri di sistema per le utenze domestiche sono calcolati al prezzo di 0,028250 € (2,82 centesimi per kWh) sui primi 1800 kWh annui (primo scaglione) e al prezzo di 0,065092 € (6,51 centesimi al kWh) sui consumi eccedenti i 1800 kWh annui (secondo scaglione).

Le utenze domestiche residenti non pagano alcuna quota fissa per oneri di sistema, mentre le utenze domestiche non residenti pagano 127 € all'anno (cifre al netto dell'Iva al 10%).

Posseggo un garage con contatore potenza impegnata 1,5 KW disponibile KW 1.7 tariffa BTA1 MULTIORARIA tipologia ALTRI USI (consumo medio Kw 10 a bimestre). Ho letto che in questo caso si è esonerati dal pagamento degli "Oneri di sistema"; VI CHIEDO CONFERMA DI CIO', considerato che con l'ultima fattura bimestre Gennaio/Febbraio 2018 questa voce è aumentata di € 15,00. Inoltre, vi è altro da non pagare ... varie quota fissa, energia ecc.?

No, non si è esonerati dagli oneri di sistema, è vero però che nel 2017 la quota fissa di 135 euro/anno per i non residenti si applicava solo agli utenti domestici, e quindi non agli utenti "altri usi", e d'altra parte la quota fissa di 142 euro/anno che si applicava agli utenti "altri usi" riguardava solo gli utenti con potenza impegnata superiore a 1,5 kW, pertanto la sua tipologia non prevedeva quote fisse per oneri di sistema nel 2017, quote fisse che invece sono presenti nelle nuove tariffe del 2018.

Trova le nuove tabelle con le tariffe  del 2018 "per altri usi" (ci sono anche quelle del 2017) cliccando su "Clienti non domestici" nella pagina delle  Condizioni economiche per i clienti del mercato tutelato. Può così notare che la parte a destra "Oneri di sistema" per le utenze da 1,5 kW della prima tabella relativa al 2018 (tab in basso "da 1.1.18") include quote fisse per il 2018 che nel 2017 (tab in basso "da 1.10.17" etc.) non erano previste.

Qui può trovare le tariffe applicate dal Servizio Elettrico Nazionale TARIFFA TRIORARIA BTA 1.

grazie per le informazioni. Nella bolletta di DIC-GEN ho trovato questa voce di importo 5.69€. oggi è arrivato il bimestre FEB-MAR ed è aumentata a 11.63€ (immagino perché il bimestre precedente era a cavallo del 2017). Chiedo , sono circa 70€ anno , ma da link che ha postato riguardo ai contratti fino a 1,5KW , viene riportato un importo di 29€ per euro/KWh/anno. Aggiungo che in un anno arrivo al massimo a 1KWh di consumo , tutte le bollette tranne l'ultima sono sempre 0

La quota potenza per oneri di sistema di 29,3148 euro/KW/anno (non kWh), non  c'entra con i kWh consumati ma va moltiplicata per i kW di potenza impegnata, in questo caso quindi per 1,5 kW per un totale di 43,9722 €/anno, pari a 7,3287 € nella bolletta bimestrale.

Ma oltre alla quota potenza, qui gli oneri di sistema prevedono anche una quota fissa annua per punto di prelievo pari a 23,7108 € (riportata nella riga superiore, cifra che probabilmente è sfuggita pensando a un subtotale ma purtroppo non lo è) per un totale complessivo di 67,6830 €/anno per oneri di sistema, pari a 11,2805 € in bolletta (di quota fissa, a cui si aggiungono gli oneri di sistema sui kWh consumati).

E' la prima volta che vedo la quota potenza applicata sia alla voce oneri di sistema che alla voce trasporto e non fa una bella impressione. Comunque le trova anche come quote mensili nelle corrispondenti tabelle del servizio elettrico nazionale, al link già indicato sopra. 

Ha perfettamente ragione , la riga del fisso mi era sfuggita . Ora è tutto chiaro grazie , avevo proprio confuso i KWh con i KW impegnati dal mio contratto. Aggiungendo anche l'IVA sono ben 82,57€ in più all'anno, un salasso , mi sono letteralmente cadute le braccia a terra. In un anno andrei a pagare circa 300€ di luce per un consumo NULLO. Credo proprio sia arrivato il momento di tuffarmi nel mercato libero , ho visto alcune offerte a prezzo bloccato per un anno che mi farebbero tornare sui 32€ a bimestre. Approfitto della sua squisita disponibilità per chiederle; Essendo il garage in uno stabile diverso da quello di residenza (quindi con suo contatore autonomo), quando vado a sottoscrivere il nuovo contratto devo scegliere sia NON RESIDENZIALE , che ALTRI USI , giusto? Questo tipo di contratto è esente dal canone RAI si?

Le tariffe sono differenziate tra utenti domestici e non domestici, e nell'ambito dei soli utenti domestici sono differenziate tra residenti e non residenti. Per le utenze non domestiche, dette "altri usi" nel senso di uso non abitativo, il concetto di residente perde significato. Comunque il canone RAI compare solo nelle bollette delle utenze domestiche residenti.

Sul passaggio al mercato libero è bene sapere che le quote per oneri di sistema sono uguali per tutti i gestori e tutte le offerte, così come le quote per il trasporto: in pratica tutta la parte destra della tabella vale sia per la maggior tutela che per il mercato libero (oltre che per la tutela simile e le tariffe PLACET).

Gli unici prezzi nella discrezione del gestore sul mercato libero sono sotto la voce Materia Energia, a sinistra, in pratica il cosiddetto PE (Prezzo Energia), vale a dire la parte di prezzo del kWh consumato che va a remunerazione del gestore (il "costo previsto per l’acquisto dell’energia elettrica che viene poi rivenduta ai clienti finali", nella definizione di ARERA).

Perciò, se il consumo è pari a zero o quasi, le bollette dovrebbero essere, nella migliore delle ipotesi (conviene comunque controllare sempre le condizioni prima di sottoscrivere), sostanzialmente tutte uguali, comunque non possono presentare tariffe inferiori a quelle riportate nei riquadri "oneri di sistema" e "spese di trasporto" delle tabelle che ha consultato.

Grazie per i chiarimenti sulle modalità di stipula del contratto. Per quanto riguarda oneri , quote di trasporto ecc.. ,si ero consapevole che sarebbero stati uguali per tutti i gestori , però nella bolletta del mercato tutelato anche consumando 0KWh ho un fisso per la materia energia di ben 9.71€/mese (come riportato anche nel link della TARIFFA TRIORARIA BTA 1). Se ho ben capito questo fisso non c'è nelle offerte del mercato libero (o è comunque minimo) , altrimenti non potrebbero farmi pagare 32€ a bimestre visto che solo di oneri siamo a quasi 28€

La quota fissa della materia energia PCV (Prezzo Commercializzazione Vendita) è prevista anche nelle offerte di mercato libero e rientra nella discrezionalità del gestore ma di solito si scosta poco dai valori della maggior tutela e piuttosto verso l'alto. 

Personalmente resto scettico, se vuole indicarmi l'offerta proposta posso dirle dov'è l'inghippo, se c'è (e c'è).

Non le nascondo che con (e c'è) mi sono demoralizzato :( , quindi non c'è via d'uscita. L'unica cosa che mi rimane da fare è cessare il contratto luce e montare una luce LED con accumulatore e pannellino fotovoltaico per la ricarica . 300€ all'anno sono davvero troppi per accendere una luce di tanto in tanto. Comunque l'offerto che avevo visto è di Sorgenia , si chiama Next Energy . Ho fatto una simulazione con il loro tool -> https://offertacasa.sorgenia.it/offertacasa/simulazione.html

Ah no se è Sorgenia ritiro tutto e aspetti a disperare, perchè già l'anno scorso avevo detto "è impossibile" e poi un'offerta di Sorgenia mi aveva piacevolmente smentito, come può vedere nella risposta a quest'altro commento di maggio 2017, dove trova anche una fattura vera di Sorgenia da cui può farsi un'idea.

Questi di Sorgenia mi stupiscono sempre: non so come fanno a fare offerte così vantaggiose (giuro che non mi pagano) ma a quanto pare è proprio così, c'è un abisso con la maggior parte delle altre offerte sul mercato libero.

Comunque sì ora ricordo: è vero non fanno pagare la quota fissa della materia energia, avevo già espresso la mia meraviglia e i miei complimenti allora, come può vedere.

Ora non ho tempo, nei prossimi giorni controllerò l'offerta e le dirò qualcosa di più preciso ma credo che probabilmente vada bene.

Che bella notizia che mi da , ho letto l'intervento e guardato la bolletta :) a questo punto credo proprio che sottoscriverò il contratto , anche perché ho scaricato il foglio con le condizioni contrattuali e questo paragrafo credo che non lasci spazio a dubbi - "L’offerta prevede un prezzo unico dell’energia elettrica monorario, cioè uguale per tutte le ore e tutti i giorni, fisso e pari a: 0,07106 € /kWh (il “Prezzo Luce”). Il Prezzo Luce
include tutte le voci presenti nella Componente Materia Energia come definita dall’ARERA, tra cui la componente energia, il dispacciamento, le perdite di rete, gli oneri di
commercializzazione ed eventuali oneri accessori di volta in volta stabiliti sempre dall’ARERA" -

C'è anche Green Network con un'offerta molto simile , ma il prezzo basso è raggiunto tramite uno sconto annuo di 60€ che vengono corrisposti in bolletta in 3 trance (primo mese 10€ , al 6° mese 20€ , ultimo mese 30€) ed onestamente questo escamotage non mi piace perché ti forza a pagare di più i primi mesi e restare con loro fino a fine anno , altrimenti ciao convenienza.

Detto questo non mi resta che ringraziarla infinitamente , continuerò a seguire il vostro sito perché lo trovo ben fatto , ricco di informazioni utili per noi consumatori e soprattutto seguito da persone gentili e competenti come lei .

Un saluto

Grazie e sì, il paragrafo chiave da controllare con attenzione è proprio quello, che in questo caso non lascia dubbi, l'avevo già commentato e comparato con altro equivalente in questa risposta dello stesso periodo.

Ho provato il simulatore che ha linkato ma riguarda le utenze domestiche (offertacasa) residenti e non, mentre la sua è un'utenza non domestica.

L'offerta applicabile alle utenze "altri usi" è invece l'offertabusiness, qui c'è il simulatore offertabusiness Sorgenia, ho provato a inserire 1 kWh di consumo annuo e restituisce un preventivo di 7 € al mese (sette): sarebbe una meraviglia ma non per fare il guastafeste ci credo poco: tendo a pensare a un errore del software, anche perchè nella finestra che si apre cliccando su "Come è stato calcolata la tua offerta?" non figurano le spese di trasporto e gestione del contatore, e qualcuno dovrà pur pagarle.

Il consiglio a questo punto sarebbe di contattare il servizio clienti, al numero verde o in chat, e chiedere chiarimenti sul punto spiegando le caratteristiche della sua utenza, ormai ha una discreta competenza sulle tariffe, può fare domande molto precise e valutare subito se le risposte sono adeguate o no.

Se possibile ci faccia poi sapere.

Pagine

Aggiungi un commento